info@firenzeart.com
+39055224028

Silvio Ricci

"L'alba della civiltà"

GUESTBOOK
Firenze, paesaggio urbano
mixed table
70 x 50 cm.
Firenze - Arno
watercolor paper
40 x 30 cm.
Ercole Farnese di Lisippo
mixed paper
21 x 29 cm.
Annunciazione tra gli olivi
watercolor paper
31 x 43 cm.
Ritratto Caruso
oil canvas
50 x 70 cm.
Orlando furioso Canto XXIV
mixed paper
21 x 30 cm.

CRITICA


Aquilano di nascita, fiorentino di adozione, Silvio Ricci è un solido pittore capace di esprimersi con una moltitudine di tecniche, dall’acquarello alla pittura a olio, dalle matite colorate alla penna biro, con i pastelli, con le cere, i gessetti, la terra, l’acrilico poi il collage, spesso la tecnica mista; uno sperimentatore raffinato, questa è la storia tecnico-artistica di Ricci, che ha utilizzato supporti tradizionali ma anche tavole, carta, faesite. I soggetti classici di Ricci sono quelli tradizionali, paesaggi, soggetti religiosi, squarci cittadini e ritratti, soprattutto di giovanissimi; quando però si è trattato di interpretare Firenze denunciando come la città abbia abdicato alla sua austerità e si sia rivelata soltanto avida, Ricci non si è tirato indietro e ha prodotto opere simboliche, metà veementi, metà ironiche.
Ricci si presenta al pubblico di appassionati e collezionisti di FirenzeArt con un solido curriculum di esposizioni tenutesi negli anni nel capoluogo toscano e altrove; personali e collettive lo hanno visto protagonista in Gallerie meneghine, a Trento, a Modena, in Vestfalia (Germania) poi in Rassegne, Premi e Celebrazioni (l’elenco completo è in calce a questo scritto); della sua pittura si sono interessati illustri critici come Roberta Fiorini, Gianni Labate, Gaetano Quinci e il presidente del nobile sodalizio fiorentino Gruppo Donatello, Ugo Barlozzetti. In particolare Barlozzetti parla di sortilegio della fantasia e contemplazione rispetto a certe opere di Ricci di evidente matrice surrealista e metafisica.
Nella raffigurazione dei diversi soggetti Ricci utilizza altrettanto differenti abilità: ed ecco allora l’essenziale fisionomico dello splendido ritratto a mezzo busto di Caruso, dove il volto con quella bocca e quello sguardo raccontano meravigliosamente il personaggio; la luce dell’Annunciazione - lontanissima dalle rappresentazioni sacre che conosciamo e insolita perché collocata tra gli ulivi - che esprime il significato pittorico e soprattutto religioso dell’opera ed è frutto di una felice intuizione; il disegno di Ercole Farnese di Lisippo dove si manifesta tutta l’abilità tecnica dell’artista che produce una figura intrigante, ricca di pathos e seducente; l’acquerello Firenze e l’Arno, quasi monocromatico, dove vi è essenzialità nella raffigurazione, ma proprio in questo sta la potenza dell’opera, che si avvale di una luce, calibrata, confortante, che non è affatto decorativa ma è l’anima del quadro; il paesaggio urbano con la sua scritta monca (ma facilmente completabile) che cola vernice rossa e manifesta una riflessione critica sulla città che sembra - ed è questo il senso dell’opera - recuperare la propria autenticità, solo nel tifo per la squadra di calcio; poi la ‘Ballerina, ritratto di Maria Teresa’, opera ad olio monocromatica, che è un piccolo grande capolavoro con una miriade di segni che sono le parole di un racconto sulla bella storia di questa bambina; le ‘Cattedrali della natura’, un’opera ricca di simboli, dalla croce prodotta da un ombra e calpestata sulla neve (correttamente riprodotta con una dominante di colore azzurrina che è quella che produce la luce solare a certe ore del giorno) ai segni, visibili tra i rami, della presenza divina nei luoghi che ancora resistono alla nostra visione antropocentrica dell’universo; mirabile L’Angelo annunziante’ alla maniera) di Andrea della Robbia, la cui cromia, postura e espressività risultano perfettamente coerenti con l’opera del grande scultore e ceramista fiorentino.

Jacopo Chiostri




MOSTRE PERSONALI


1984: Galleria d'Arte Moderna “Il Cenacolo”, Corso dei Tintori, Firenze
1985: Circolo “La Talpa”, Via di Mezzo, Firenze
1987: GADARTE, Associazione culturale, Via S. Egidio, Firenze
1988: Centro d'arte S. Barnaba, Milano
1988: Galleria "La Spirale", Prato
1990: Chiesa di San Niccolò, Stia, Arezzo
1991: Palazzo Cocchi Serristori, Firenze




MOSTRE COLLETTIVE


1984: Premiato alla decima edizione del “Premio Internazionale di Pittura, Scultura e Grafica Santa Croce”;
1988: “Persistenze dei linguaggi dell'arte”, Chiostro di S. Domenico, Pistoia:“Fiorente”, 1988. Villa Arrivabene, Parterre, Piazza S. Croce, Firenze;
1988: “Piogge acide” rassegna di pittura “gli artisti denunciano”, Villa Arrivabene, Firenze;
1990: “Diciotto per ventiquattro”, Galleria Helga Wicher, Wuppertal, (Renania Settentrionale – Vestfalia), Germania;
1990: Fiera internazionale del libro “Diplo”, Fortezza da Basso, Firenze;
1990: Premio Italia per le arti visive “Beato Angelico”, Palazzo Pretorio, Certaldo, Firenze;
1990: XII Premio Nazionale “Città di Civitella”, Civitella Val di Chiana, Arezzo;
1990: Mostra Mercato d'Arte Moderna “Art box”, Castello dei Pio, Carpi, Modena;
1990: Mostra itinerante “Blocco per artisti” curata da "il candelaio edizioni";
1992: Quarta edizione della “Rassegna Biennale di Pittura intitolata al maestro Francesco Bonfanti”, Cembra, Trento;
1997: OMAGGIO A CARUSO , Villa Bellosguardo, Lastra a Signa;
1998: “Trenta artisti per Caruso”, Officina profumo-farmaceutica di Santa Maria Novella, Via della Scala, Firenze;
2003: “Artisti Fiorentini per San Valentino”, mostra di pittura organizzata dal Comune di Firenze, Palagio di Parte Guelfa, Firenze;




STAMPA


1984: Bimestrale di Cultura ed Arte “ALLA BOTTEGA”, Via Plinio, Milano: N.6 novembre/dicembre, pubblicazione di recensione alla mostra personale tenuta presso la galleria "Il Cenacolo", a firma del corrispondente G. Labate
1988: “Arredorama - Il mobile italiano nel mondo”, n.188/novembre 1988, rivista mensile, Milano. Recensione della mostra alla galleria La Spirale.
1988: “Corriere di Firenze”, quotidiano del 14/01/1988, recensione alla mostra collettiva “Fiorente” con fotografia della mia opera
1988: “Firme nostre”, Organo del centro bibliografico scrittori e artisti, quadrimestrale, anno XXX n. 117, aprile 1988, recensione alla mostra presso la galleria Gadarte, a firma di Gaetano Quinci.
1991: Presentazione della mostra a Palazzo Serristori a cura di Ugo Barlozzetti.
1993: Eco D'Arte Moderna, n. 87 (n.1/2 gen/feb 1993), recensione alla IV rassegna, Biennale di Pittura intitolata a F Bonfanti
1993: Quotidiano “Trentino”, edizione locale Lavis -Rotaliana, recensione sulla Rassegna, Biennale di Pittura di Cembra.






Art Gallery
For over 20 years we sell online original artworks by established artists and emerging talents. High reliability.

Browse the collection


Online Exhibitions
Every month new personal or collective exhibitions online in our Virtual Gallery.

Visit the Exhibitions in progress


Services for artists
Trust our experience to increase your visibility and be supported in the organization of exhibitions and events.

Contact us


Authentication
We operate exclusively in the official archive of Rodolfo Marma and allow the authentication of works of Graziano Marsili and Umberto Bianchini
Contact us
Web graphic design by WWS Snc